Dott.ssa Alice Chiantini Dermatologo
Dott.ssa Alice Chiantini Dermatologo  

Contrastare l'Invecchiamento della Cute

Il passare del tempo, gli agenti esterni e le variazioni ormonali influiscono negativamente sulle caratteristiche della cute, che perde idratazione, elasticità e luminosità. 

Esistono inoltre due tipi di invecchiamento cutaneo: uno causato dal passare degli anni ("cronoaging") ed un altro determinato dall'esposizione ai raggi UV ("fotoaging").  

La cute, pertanto, subisce numerosi tipi di insulti e manifesta in modo progressivo il segno di tali danni: opacità, macchie, rughe... 

Fin dai 30 anni è importante prendersi cura attivamente della propria pelle, prevenendo e contrastando la comparsa delle prime rughe, del colorito "spento" e delle macchie cutanee, attraverso alcune azioni fondamentali:

  • proteggere la cute dagli agenti ossidanti
  • idratarla adeguatamente, per mantenere tono ed elasticità
  • ripristinare l'integrità cutanea, per preservarne la luminosità
  • ridurre le fine rugosità superficiali

Fortunatamente esistono numerose sistemi che possono essere realizzati per ottenere e mantenere questi risultati.

Laser a Diodo

Epilazione medicale definitiva rapida e quasi indolore

Il Laser a Diodo è una metodica ampiamente testata in ambito estetico. Concepita secondo le più aggiornate conoscenze tecnico-scientifiche, è la metodica ideale per i trattamenti di epilazione progressiva.
Consente infatti di trattare i peli superflui delle varie aree del corpo rapidamente e in maniera totalmente indolore, dimezzando i tempi delle sedute rispetto ad altre metodiche.
I trattamenti di foto epilazione si basano sul principio di foto-termolisi selettiva ovvero l’energia fotonica (luce) viene assorbita dalla melanina del pelo inducendo il danneggiamento delle strutture riproduttive del follicolo. Il trattamento è indolore in quanto l’apparecchiatura è dotata di un sistema di raffreddamento cutaneo che ne permette l’utilizzo su qualsiasi distretto (fatta eccezione per il contorno occhi e le mucose).

Carbossiterapia

La Carbossiterapia consiste nella somministrazione terapeutica dei CO2 a livello del tessuto sottocutaneo.
Il trattamente, minimamente invasivo e praticamente indolore, ha lo scopo di ottenere una vasodilatazione temporanea del microcircolo che, ripetuta nel tempo in occasione di un ciclo di sedute mediche, porta al miglioramento del microcircolo ed al ringiovanimento cutaneo. 
Grazie ad un'apparecchiatura consepita secondo le più aggiornate conoscenze tecnico-scientifiche, è possibile trattare o effettuare terapia di supporto in numerose patologie e consizioni, quali: insufficienza venosa, adiposità localizzate, psoriasi, cellulite, ulcere cutanee, alopecia, vasculopatie degli arti, sensazione di "gambe pesanti", etc. 

Peeling

Il trattamento contro l'invecchiamento cutaneo del viso

Il trattamento peeling viene realizzato dalla Dottoressa Alice Chiantini applicando sul viso della paziente una sostanza chimica, la cui azione principale è la rimozione controllata di alcuni strati cutanei, che andranno successivamente incontro ad una rigenerazione. In questo viene stimolato il "ringiovanimento" dei tessuti trattati.

In base al tipo di principio attivo utilizzato ed alla sua concentrazione, i peeling possono essere distinti in superficiali, medi, profondi.

 

I peeling superficiali hanno un'azione che si esaurisce a livello dei primi strati dermici. Sono indicati nei confronti di inestetismi piuttosto superficiali e causano un eritema ed un'esfoliazione piuttosto modeste, ben gestibili dal paziente. I principi attivi più utilizzati sono l'acido mandelico, l’acido glicolico, l’acido salicilico, l’acido piruvico e l'acido tricloroacetico a basse concentrazioni.

 

I peeling medi agiscono a livello di strati dermici più profondi e risultano efficaci nel trattamento di fotoaging, discromie, acne attiva, cicatrici, smagliature, melasma. Causano un'esfoliazione ed un eritema più intensi e duraturi. Vengono utilizzati l’acido tricloroacetico o l’acido piruvico, da soli o in associazione ad altre sostanze (acido glicolico, soluzione di Jessner, acido retinico, acido azelaico, acido cogico, acido fitico...).


Il terzo gruppo è rappresentato dai peeling profondi, che offrono risultati più marcati ma necessitano di particolari attenzioni da parte del paziente nel periodo di recupero successivo al trattamento, che può essere anche di lunga durata. 


A prescindere dalla tipologia di trattamento effettuato, deve essere tassativamente evitata l'esposizione al sole e l'utilizzo di lettini e lampade abbronzanti per un periodo di tempo successivo al peeling, che verrà definito dalla Dottoressa Chiantini al momento del trattamento o della visita di controllo.

Biorivitalizzanti e Skinbooster

Le punturine per riscoprire tonicità e luminosità della propria cute 

Se vi interessa migliorare l’idratazione, la tonicità e l'elasticità cutanea, potete effettuare un ciclo di trattamenti di biorivitalizzazione cutanea dalla Dottoressa Alice Chiantini.

 

Con questo nome si intende l'iniezione a livello cutaneo, mediante aghi sottilissimi, di acido ialuronico, vitamine e sali minerali, i quali agiscono migliorando l’idratazione ed il trofismo cellulare, apportando principi attivi indispensabili alla ristrutturazione cutanea ne fornendo una protezione nei confronti dei radicali liberi e dello stress ossidativo.

- L’acido ialuronico garantisce elasticità, tono, turgore ed idratazione alla pelle e protegge i fibroblasti dall’azione dannosa esercitata dai radicali liberi.

- I minerali sono indispensabili al corretto svolgimento delle funzioni cellulari e difendono la cute dallo stress ossidativo.

- Gli aminoacidi agiscono sulla sintesi proteica dei fibroblasti, svolgendo un importante ruolo nella produzione di collagene ed elastina.

- Le vitamine, infine, contrastano i danni da raggi UV e neutralizzano i radicali liberi, promuovendo la crescita e il turnover tessutali.

 

Questi complessi con azione antiaging si integrano perfettamente con molti altri trattamenti di tipo dermoestetico (bioristrutturazione, filler, peeling etc), sono adatti a tutti i tipi di pelle, a persone di tutte le età, e possono essere utilizzari sia sulle piccole che sulle grandi aree corporee.

 

È importante sottolineato che, per ottenere e stabilizzare nel tempo l'azione dei componenti e di conseguenza il risultato ottenuto, è necessario effettuare un ciclo di minimo 4 sedute, alla distanza di circa due-tre settimane l’una dall’altra. 

PRX-T33

Il biorivitalizzante senza aghi per ringiovanire senza punturine!

 

Il PRX-T33 è una delle ultime novità nel campo della medicina estetica, studiata per coloro che mal sopportano le cosiddette "punturine", si tratta infatti di un'innovazione assoluta che permette di ottenere un effetto biorivitalizzante senza la necessità di effettuare alcuna iniezione.

 

Il PRX – T33 è un gel a base di acido tricloracetico (TCA), acido cogico e perossido di idrogeno, che, applicato dalla Dottoressa Alice Chiantini con uno specifico massaggio cuteneo, ha azione rigenerativa, andando a  stimolare i fibroblasti ed il collagene.

 

Si tratta inoltre di un prodotto non fotosensibilizzante, pertanto questo tipo di trattamento può essere effettuato anche nei mesi estivi, sebbena sia comunque consigliato l'utilizzo di una crema con un fattore solare elevato (SPF 50) per limitare il rischio di scottature solari, conseguenti alla diminuita capacità schermante della cute post-trattamento.

 

Gli impieghi del PRX-T33 sono innumerevoli ed età correlati:

14-35 anni 

• cicatrici (varicella, impetigine)

• smagliature

• melasma

• azione alternativa alla pulizia del viso (leviga l’epidermide e facilita la rimozione dei comedoni e delle pustole)

35-45 anni   

• biorivitalizzazione del volto
• biorivitalizzazione del corpo
• prevenzione dell’invecchiamento cutaneo
• rilassamento della cute del seno

> 45 anni   

• trattamento della cute ipotonica
• rilassamento della cute del seno

Filler

Le classiche punturine per attenuare le rughe del tempo

La pelle, invecchiando, perde progressivamente la capacità di formare collagene ed acido ialuronico, suoi costituenti naturali, con conseguente perdita di elasticità e comparsa di linee di espressione, avvallamenti e rughe.

I Filler sono sostanze che vengono iniettate dentro la pelle per attenuare rughe e depressioni, per migliorare la forma di determinate aree quali le labbra, oppure per aggiungere volume in una determinata sede, ad esempio nel caso di zigomi poco rappresentati.

In base alla loro durata, i filler possono essere distinti in permanenti oppure riassorbibili.

I filler permanenti sono composti da sostanze che non vengono riassorbite dall’organismo, il cui capostipite è il silicone, e possono causare effetti collaterali anche gravi e deturpanti, quali indurimenti, noduli infiammatori, o il cui prodotto può progressivamente spostarsi in sedi limitrofe, ragioni per cui sono ormai generalmente sconsigliati.

I filler riassorbibili (o temporali) sono composti da sostanze che vengono progressivamente riassorbite dal nostro organismo. Possono essere ulteriormente suddivisi in biologici (collagene ed acido ialuronico) e sintetici (idrogel di nuova generazione a base di alcool polivinilico). La durata di questi tipi di filler varia a seconda del principio attivo, della profondità del difetto, dello stress a cui è sottoposto il tessuto nel luogo di impianto e della tecnica di iniezione.

Prima di sottoporsi a qualsiasi filler è importante un’accurata visita medica, che escluda eventuali controindicazioni, quali infezioni in corso nella sede o in prossimità dell’impianto, malattie del collagene, alterazioni della coagulazione, malattie del sistema immunitario, herpes labiale in atto o ricorrente, allergie conosciute al prodotto o ai suoi derivati.
L'età di partenza ideale per l’impianto di un filler è tra i 30 e i 50 anni, ma si possono avere buoni miglioramenti anche su pelli più mature o molto giovani, con cicatrici o rughe di espressione profonde.
Dobbiamo infine ricordare che otterremo un risultato migliore agendo su una pelle curata ed idratata e che il caldo e l'esposizione solare ne diminuiscono la durata.

Needling cutaneo

Il Needling è una tecnica medica in cui il derma-roller, strumento sterile e monouso, viene passato sulla cute allo scopo di stimolare la produzione di nuovo collagene dermico sfruttando la naturale capacità di auto-guarigione dell’organismo.

L'effetto finale ottenuto è la "rivitalizzazione" della pelle, senza il rischio di esiti cicatriziali residui poiché non viene rimosso lo strato superficiale dell’epidermide.

 

Il needling viene solitamente effettuato in combinazione con altri trattamenti e trova indicazione nei confronti di:
  • Cicatrici da acne
  • Smagliature
  • Rughe
  • Ringiovanimento cutaneo del viso e decolleté

Dott.ssa Alice Chiantini

Medico Chirurgo

Specialista in Dermatologia e Venereologia

Medicina Estetica

 

E-mail di contatto:

dottoressa.alice@chiantini.it

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Dottoressa Alice Chiantini